Sergio Martinola, che ha scelto lo pseudonimo di Ingmar, è un artista che opera e gode dell’arte, in qualsiasi forma e sotto qualsiasi aspetto.

Disegna da quando era studente ed il disegno è ancor oggi alla base della sua proposta e produzione pittorica; preferisce eseguire, piuttosto che fruire del bene artistico. Il momento dell’esecuzione viene da solo, non si può pianificare la realizzazione di un quadro : è l’ispirazione che decide e pian piano l’idea prende forma nella sua mente, si chiarisce e si materializza sulla tela.

Ai suoi esordi Sergio Martinola disegna a china, sostanzialmente forme e fughe, poi passa all’olio, ma interrompe questa produzione, perché momentaneamente attratto dalla musica, una sua vecchia passione adolescenziale, e dalla letteratura. Scrive poesie e racconti, più per un sfogo personale che per il semplice gusto del narrare, quasi ad esorcizzare nelle sue pagine di scrittore le difficoltà incontrate nella vita : la scrittura gli fa trovare un nuovo equilibrio. Come dicevo prima, l’arte sotto qualsiasi aspetto.

Ed eccolo, negli ultimi anni, di nuovo innamorato della pittura, dettata dall’estro del momento: è un autodidatta che caratterizza le sue opere con la grande passione per il disegno e per le cromie. Le sue mostre sono quasi un test per Sergio Martinola: nell’esporre le sue opere lui vuole constatare la propria capacità di comunicazione con il pubblico.

Predilige il geometrico, in cui inserisce talvolta sagome umane, che servono a dare la dimensione “abnorme” dell’ambiente, la figura deve risultare minima, quasi schiacciata, perché, rispetto all’universo, l’uomo è un microcosmo, tutto è il contrario di tutto, in una natura sovrastante in continua evoluzione.

Il disegno prepara le prospettive che “aspettano” il colore per definirsi e vivificarsi; la tela bianca è lì pronta per essere gratificata dalle sue composizioni, solo schizzi che garantiscano il giusto angolo di visuale ed il corretto studio delle proporzioni, prima dell’esecuzione definitiva; è questo il momento della comunicazione, di quanto sente e vuole dare, è il momento più vivo e vero, il momento in cui Sergio Martinola prova l’emozione che gli suggerirà come realizzare la sua opera. Tutto si definisce con i colori che sono già nella propria mente. L’acrilico ed il gesso sono la sua tecnica prevalente, che ha scelto perché gli permettono di ottenere effetti tendenti alla tridimensionalità, quasi a staccarsi dalla superficie del quadro. Le tonalità non stabiliscono alcun elemento, ma sottolineano il fatto che tutto è in tutti. Non a caso il suo colore preferito è il blu, perché è il colore degli spazi ampi, infiniti, come il mare e il cielo. Il fruitore deve sentirsi libero di fronte alle sue opere, per poter interpretare come vuole le tele che ha davanti agli occhi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *