giovedì 17 maggio alle 19.00

Veronica Pivetti incontra i suoi lettori durante una serata speciale, in cui si racconterà a chi ha letto e amato il suo libro o a chi ne è incuriosito e vuole leggerlo. Per tutti i fan di Veronica, che hanno voglia di scoprire un suo lato “inedito”.

Anticipiamo la lettura della nostra Nicoletta Fattorosi Barnaba:
Quando si parla di depressione, si pensa sempre che non ci possa capitare; c’è una sorta di atteggiamento scaramantico personale ad accettare che io, proprio io possa cadere nel baratro della depressione. Ma la vita, si sa, o per lo meno si dovrebbe sapere, ad ogni angolo cela sorprese non sempre facili da accettare e superare. Questo è quanto ci racconta Veronica Pivetti nel suo libro, che potremmo anche sottotitolare: Guida al superamento a ostacoli di una depressione mal curata.

Il racconto di quanto è accaduto all’io del libro, ci coinvolge in un modo particolare, proprio perché pensiamo “Intanto a me non capiterà mai”, e questa guida che ci viene data con leggerezza, ma con cognizione di causa (quando si parla del vissuto la leggerezza è solo bravura di chi ci racconta di sé, senza far pesare le gravi difficoltà vissute), ci porta per mano a renderci conto che spesso dobbiamo essere più accorti nel “regalare” la nostra vita e la nostra salute a chi deve prenderle nelle sue mani per ridarcele, possibilmente, più belle di prima (forse è troppo?), almeno come prima.
Veronica Pivetti ci racconta in modo immediato, con uno stile estremamente giovane, quante volte abbia visto “accartocciare” la sua vita nelle mani di “esperti”; come poter definire certi dottori pieni di sé e vuoti di competenza che sorvolano sul paziente per concentrarsi sulla malattia che, a detta loro, conoscono alla perfezione? La malattia non è un qualcosa uguale per tutti, la malattia è diversa per ognuno di noi, anche se il suo nome è l’elemento unificante che raggruppa chi deve passare per certi percorsi farmacologici e non solo.

L’autrice, con questo libro, mostra la sua generosità, parlando di qualcosa di profondamente suo, di intimamente vissuto, mettendo la sua situazione davanti a tutti noi, che rimaniamo basiti al pensiero che un personaggio come lei, solare, allegro, spensierato e che “fa ridere”, possa aver trascorso momenti così bui e difficili.
Il fatto di “far ridere” si affaccia più volte nel racconto, in modo più o meno appropriato, perché o viene richiesto o trapela tra le righe, dietro alle tenebre di un baratro ormai risalito e messo alle spalle.
Un percorso irto di difficoltà, ma certamente alleggerito dalla presenza costante di Giordana, un’amica vera che condivide il dolore e le lacerazioni di Veronica, con affetto e saggezza. L’ancora che salverà l’autrice è proprio Giordana che con attenzione e sensibilità, forse derivate da un nonno psichiatra, porterà per mano l’amica nel sicuro porto della normalità. Va sottolineato questo rapporto d’amicizia che è sempre presente, è il punto di luce e di riferimento nei momenti più bui; dal maglione grigio col cappuccio ad altri risvolti che non voglio svelare; è un inno all’amicizia vera, non facile da trovare in assoluto, ma soprattutto nel rarefatto mondo dello spettacolo.
Tutti ci aspettiamo il lieto fine di questa tribolazione nerissima, anche perché è annunciato dall’inizio, ma il poter vedere o meglio percepire nel racconto, questo spiraglio di luce e questa forza di voler uscire dal baratro è importante per chi legge. Spes ultima dea, dicevano i latini, e lo diciamo anche noi, perché, se è chiaro che a tutti è gradito il lieto fine, non sempre è così scontato raggiungerlo e quando si è arrivati alla meta agognata, bisogna anche capire e sapere come si è raggiunto e con quale fatica, dolore, stanchezza di sé …
Infine alla Pivetti vanno i nostri ringraziamenti più calorosi per aver denunciato quei medici boriosi e superficiali, non solo per i nomi, ma soprattutto per noi, per doverci abituare a scandagliare meglio a chi affidare le nostre malattie. Grazie quindi per questa “Guida…” che dovremmo sempre tenere a mente per non scivolare su ovvietà e superficialità di scelte, non solo mediche direi, ma di vita.

La lettura di frailibri cliccando qui

Clicca qui per vedere la locandina dell’evento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.